Geologi: briefing con la stampa su corpo di frane

lunedì 11 settembre 2017
Appuntamento itinerante dal 14 al 16 settembre

“Dopo il terremoto si sono notate evidenze di riattivazione di un grande fenomeno franoso di tipo deformativo, nei pressi di Camerino, dobbiamo monitorarlo e tenerlo sotto controllo. Il 14 settembre saremo sul posto per verificarne l’evoluzione. Briefing stampa proprio sul corpo di questa frana estesa. Si tratta di un fenomeno che chiamiamo deformazione gravitativa profonda, il quale ha mostrato delle evidenze di movimento, nella porzione superiore, dopo il sisma dell’ottobre 2016”. Lo ha annunciato Gilberto Pambianchi, presidente nazionale dei Geomorfologi Italiani e docente dell’Università di Camerino. “Questa frana che sovrasta la superstrada della Valle del Chienti nei pressi di Camerino è davvero molto estesa – ha proseguito Pambianchi – e di grande impatto visivo, la sua evoluzione è molto lenta o a scatti durante i grandi terremoti, però è da tenere sotto controllo”.

Forte la denuncia di Pambianchi: “È mancato il monitoraggio dei fenomeni geomorfologici in tutta l’area del cratere, monitoraggio e prevenzione per dare sicurezza e rilancio economico a questi territori. Giovedì 14 i geomorfologi saranno sul posto con tutta la strumentazione necessaria al fine di verificare l’evoluzione di tali fenomeni. Terremo proprio un briefing stampa sulla frana”.

Briefing stampa itinerante dei geologi il 14, 15 e 16 settembre nei luoghi del terremoto. Sarà un’occasione unica per vedere sorgenti che hanno ripreso l’attività dopo il terremoto, la nascita di nuove sorgenti che prima non c’erano, frane imponenti che si sono riattivate, cicatrici lungo le faglie e fiumi la cui portata è notevolmente aumentata. I geomorfologi, dopo la Valle del Chienti, saranno a Norcia, Castelluccio e sul Vettore dove mapperanno gli effetti del terremoto sul terreno e sul costruito.

“Il 15 settembre – ha dichiarato Marco Materazzi dell’Università di Camerino – entreremo nell’area epicentrale. A Norcia osserveremo le problematiche idro-geomorfologiche legate al centro abitato e nella piana alluvionale. In quest’ultima di grande effetto è la ricomparsa, dopo il terremoto, del Torrente Torbidone non più attivo da tantissimi anni. Vedremo poi gli effetti differenziali che il terremoto ha causato sulle abitazioni ed il condizionamento legato alla natura geomorfologica del terreno. A Castelluccio e sul Monte Vettore verificheremo, ad un anno di distanza, l’evoluzione delle faglie, delle fratture, delle frane e delle sorgenti”.

In questa zona in particolare ci sono effetti molto importanti di cambiamento nel regime idrologico di fiumi e sorgenti, dovuti al sisma del 2016, ad esempio sorgenti scomparse e fiumi aumentati di portata, ma si sono anche create nuove sorgenti e riattivate sorgenti vecchie. La stampa con i geomorfologi potrà filmare e raccontare tutto questo cambiamento e vedere gli effetti del terremoto sulla idrologia di superficie. In dettaglio, saranno mappati crolli e frane in aree di particolare interesse, come la zona dei Laghi di Pilato, gli unici laghi glaciali dell’Appennino Centrale. Il 16 mattina ci si sposterà a Colfiorito dove si osserverà l’evoluzione di frane e faglie riattivatesi già con il terremoto del ’97; sul posto saranno confrontati gli effetti dei due terremoti.

 

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.