A Roma servono 174 giorni per affittare un immobile

venerdì 19 maggio 2017
Tempistiche delle locazioni più rapide rispetto alla vendita, ma nel 2004 bastavano 101 giorni per trovare un inquilino

Bene a Roma le tempistiche degli affitti. In generale, nel primo trimestre del 2017 le locazioni hanno avuto tempi più rapidi rispetto a quelli delle vendite: infatti, in media nel 2016, sono occorsi 174 giorni per affittare un immobile e 318 per vendere. Nel dettaglio, se per affittare un appartamento, villa o villino sono bastati 150 giorni, per vendere ne sono occorsi 309; analogamente, nel caso dei locali commerciali, artigianali o per il terziario sono occorsi 242 giorni per affittare e 397 per vendere e tale divario si è ancora più accentuato nel caso degli uffici, poiché sono occorsi 308 giorni per affittare e ben 519 per la vendita. È quanto emerge dall’ultimo listino ufficiale pubblicato dalla Borsa Immobiliare di Roma.

Dall’analisi geografica sono emerse notevoli differenze tra i vari quartieri di Roma, a seconda che si sia trattato di locazioni o vendite. Nel centro storico sono occorsi 438 giorni per vendere un immobile e 164 per affittare; 330 contro 199 nei quartieri Nord; 415 contro 121 nei quartieri Est; 201 contro 135 nei quartieri Sud; infine, 190 per vendere invece di 161 per locare nei quartieri Ovest (ed è questo il quartiere dove il gap è stato minore nel 2016). Concludendo, da un’analisi della serie storica dei tempi di collocamento per tipo di transazione in tutta l’area sin qui presa in considerazione – dal 2004 al 2016 – si è evidenziato che, se nel 2004 bastavano 100 giorni per vendere un bene, nel 2016 ne sono occorsi 318, dato che ha raggiunto il suo massimo storico superando anche i 265 giorni del 2014. Anche per quanto riguarda le locazioni si è registrato un incremento nel periodo in esame: 101 giorni nel 2004 contro i 174 del 2016, valore che è sceso rispetto al 2014 ma è salito rispetto al 2015.

 

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.