Canone Rai: il Codacons chiede l’esenzione per le seconde case

martedì 7 febbraio 2017
Esposto dell'Associazione Consumatori sulle modalità di pagamento sul canone

Come ormai noto, dallo scorso anno la modalità di pagamento del canone Rai è cambiata. Basta file per pagare il MAV arrivato a casa, ma un surplus dilazionato e allegato al costo dell’energia elettrica.
Questo ha suscitato non poche polemiche tra i cittadini e l’ultima è arrivata proprio dal garante dei consumatori. Il Codacons, a pochi giorni dall’inizio del Festival di Sanremo, ha sollevato ulteriori dubbi sul pagamento della tassa sulla tv.
Di seguito le parole dell’Associazione dei consumatori:
“Il Codacons fa esposto all’Autority Energia e alla Procura della Repubblica di Milano che si spera non rimarrà in silenzio e verifichi la condotta di Eni e delle altre aziende erogatrici del gas sull’affaire canone Rai in bolletta. Ci si domanda dove vadano i soldi in più che gli utenti alla richiesta della società elettrica indebitamente vengono pagati. Si sapeva che affidare la riscossione ad altre società private del canone Rai, sarebbe stato un’operazione mal gestita a danno dei consumatori. Se non paghi il canone Rai pagato due volte ti tolgono la fornitura elettrica. E così è stato. L’inadempimento di un pagamento del canone Rai inoltre non può essere messo sullo stesso piano di un bene essenziale per la vita come la fornitura di energia. Quindi il mancato pagamento di uno il canone Rai non può dare origine alla cessazione della fornitura di energia elettrica. Il Codacons chiede un immediato intervento da parte dell’Autority per far cessare la richiesta indebite di pagamento del canone per le seconde case”.

Immediata la risposta di ENI: “Eni conferma che nel processo di addebito del Canone Rai in bolletta ha sempre operato, come previsto dalla norma, ribaltando ai clienti quanto ricevuto nei flussi dell’Acquirente Unico. Le società di vendita hanno infatti la sola facoltà di inserire in bolletta gli importi ricevuti in tali flussi. Eni esclude di conseguenza in maniera netta di aver operato addebiti autonomi e indipendenti da quanto ricevuto. Ricorda inoltre che ogni richiesta di rimborso per doppio addebito del Canone deve essere segnalata all’Agenzia delle Entrate che, in seguito alla verifica della situazione, provvederà eventualmente ad inviare attraverso l’Acquirente Unico i flussi di rimborso che la società di vendita inserirà nella bolletta del proprio cliente. La società, nel ricordare inoltre di aver adottato una politica di gestione dei crediti verso i propri clienti che esclude i crediti unicamente afferenti al Canone Rai bloccando in questi casi le azioni di chiusura, resta come sempre a piena disposizione per analizzare puntualmente ogni singolo caso che Codacons o i propri clienti intendessero segnalare”.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.