Trasloco in vista? Niente panico

lunedì 30 ottobre 2017
Da Habitissimo 7+1 trucchi per affrontare il trasloco con più serenità

Finalmente la tua nuova casa è pronta. È giunto il momento di trasferirsi e non vedi l’ora di dormire nella nuova camera da letto, sdraiarti sul divano appena arrivato e accogliere gli amici nella spaziosa sala da pranzo. Ma prima bisogna affrontare un passaggio cruciale e odiato da tanti: il trasloco. Niente panico: con i consigli di Habitissimo – la piattaforma online che mette in contatto domanda e offerta in tema di edilizia, ristrutturazioni e servizi per la casa – si potrà affrontare il tanto temuto momento un po’ più facilmente e con maggior serenità. Ecco sette consigli (e un trucco) da tenere a mente quando arriva il momento di traslocare.

1. Dipingere le pareti prima di trasferirsi
Sia che si tratti di una casa in affitto o di proprietà, è meglio dipingere gli interni prima di traslocare. Una casa senza arredi è molto più facile da imbiancare: si lavorerà più agilmente e più velocemente, evitando inoltre di macchiare i mobili. È anche il momento perfetto per fare alcuni lavoretti, come posare il pavimento laminato sopra a quello già esistente o cambiare gli infissi nel caso in cui quelli presenti fossero vecchi e rovinati.

2. Trasloco = pulizia
I traslochi mostrano la quantità di oggetti inutili accumulati durante gli anni. Spesso mettiamo da parte cose che sicuramente non useremo mai più o che non ha senso conservare. Tenete gli oggetti di uso quotidiano e quelli a cui siete più affezionati, ma liberatevi di tutto ciò che ormai è inutile e che non servirà nella casa nuova. Traslocare sarà molto più facile.

3. Dividi e vincerai
L’organizzazione è fondamentale, soprattutto quando si deve iniziare a impacchettare tutto. Non imballate gli oggetti a casaccio: riempire gli scatoloni alla rinfusa (una coperta, un quadro e un robot da cucina) è una pessima idea. Concentratevi su una stanza per volta, smontala pezzo per pezzo e scrivendo su ogni scatola la destinazione del contenuto: disimballare sarà molto più facile.

4. Una questione di scatole
Riempite gli scatoloni in modo logico. Mettete gli oggetti pesanti nelle scatole più piccole, così sarà più facile spostarli, e dedicate quelle più grandi agli oggetti più piccoli e leggeri. Cercate di imballare piatti, calici e bicchieri separatamente e facendo molta attenzione, magari usando del pluriball e scrivendo “fragile” sulle scatole.

5. Mettere i vestiti nei sacchetti
I sacchetti della spazzatura molto capienti sono perfetti per trasportare la biancheria da letto e tutti gli altri tessili. Per i vestiti potete usare anche le valigie, tuttavia meno capienti. Anche se non è molto elegante, è il metodo più facile per trasportarli.

6. Lavare tappeti e tende prima del trasloco
Anche se sembra ovvio, lavate tappeti e tende prima del trasloco altrimenti, oltre a dover disimballare tutto, dovrete anche pensare alle lavatrici da fare. Così facendo sarà più facile sistemarli nella nuova casa.

7. Scaricare e disimballare con ordine
È importante essere ordinati fin dal principio. Organizzate per bene la disposizione degli scatoloni sul camion: mettete gli oggetti più pesanti e voluminosi sul fondo, distribuendoli su ambo i lati; sistemate poi quelli meno pesanti ma comunque voluminosi, come la testata del letto, gli specchi o i materassi e, per ultimo, impilate le casse restanti nello spazio libero. Una volta arrivati nella casa nuova, montate subito i mobili, sistemate poi gli oggetti più pesanti e occupatevi solo alla fine del contenuto degli scatoloni.

Trucco bonus: lo scatolone della sopravvivenza
Non mentite a voi stessi: sapete già che passerete almeno un paio di giorni nel disordine, con la cucina e il bagno pieni di scatoloni da aprire. Lo “scatolone della sopravvivenza” vi aiuterà ad affrontare la situazione. Prendete una valigia, una di quelle che si usano come bagaglio a mano, e riempila con vestiti, prodotti da toeletta, pigiami e tutto ciò che vi serve per lavorare: avrete tutto a portata di mano.

 

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.