A Milano la smart house a prova di inquinamento

giovedì 26 ottobre 2017
La crescente sensibilità ai temi dell’inquinamento atmosferico e dell’efficientamento energetico ha reso i cittadini sempre più attenti e sensibili nei confronti delle soluzioni abitative capaci di rispettare l’ambiente e di migliorare in maniera significativa la qualità della vita. COV (composti organici volatili), sostanze inquinanti, muffe, batteri causa di malattie respiratorie, sono sempre di più i […]

La crescente sensibilità ai temi dell’inquinamento atmosferico e dell’efficientamento energetico ha reso i cittadini sempre più attenti e sensibili nei confronti delle soluzioni abitative capaci di rispettare l’ambiente e di migliorare in maniera significativa la qualità della vita.
COV (composti organici volatili), sostanze inquinanti, muffe, batteri causa di malattie respiratorie, sono sempre di più i fattori che rendono estremamente attuale il tema dell’inquinamento dell’aria interna agli ambienti abitativi o professionali.
Di conseguenza, migliorare la qualità dell’aria che le persone respirano per la maggior parte della loro giornata, trascorsa prevalentemente in luoghi chiusi, può avere un impatto fondamentale sulla salute e il benessere di ognuno.
Il tema dell’inquinamento dell’aria indoor rappresenta oggi un problema a cui la comunità scientifica internazionale presta sempre più attenzione.
Secondo studi resi noti dall’Osservatorio qualità aria interna infatti, l’aria degli ambienti chiusi è dalle 5 alle 10 volte più inquinata rispetto a quella esterna, motivo per cui, un ricambio continuo che avvenga 24 ore su 24 all’interno di tutte le stanze, come può essere quello offerto dalla soluzione MyDATEC, è necessario per garantire un ottimale comfort abitativo.
La ventilazione meccanica controllata (VMC) a doppio flusso termodinamico proposta da MyDATEC è una soluzione all’avanguardia che con un unico sistema consente di ventilare, riscaldare, raffrescare, filtrare e deumidificare gli ambienti.
A tal proposito, secondo quanto reso noto nel dodicesimo Rapporto sulla qualità dell’ambiente urbano redatto dall’Ispra, l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, numerosi studi epidemiologici dimostrerebbero l’esistenza di una stretta correlazione tra la presenza dell’umidità negli ambienti domestici e l’incidenza o l’esacerbazione di affezioni a carico dell’apparato respiratorio, tra cui ad esempio bronchiti, riniti allergiche e asma.
Di conseguenza, una scarsa o inadeguata ventilazione dell’aria all’interno di ambienti chiusi può inasprire considerevolmente il problema.
Oltretutto, l’inquinamento indoor è un aspetto da non sottovalutare soprattutto quando si vive in aree e contesti urbani particolarmente estesi ed industrializzati in cui il problema della qualità dell’aria risulta intensificato dalla presenza di polveri sottili (PM10) ed altri agenti inquinanti che, senza un adeguato impianto di ventilazione meccanica controllata, penetrano in casa attraverso l’apertura frequente di finestre e balconi.
Questo infatti è il caso specifico che ha portato l’Ing. Lodovico Mascardi, residente a Milano in una zona del centro ad elevato traffico veicolare, a valutare l’implementazione di una soluzione MyDATEC per migliorare il proprio comfort abitativo.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.