Verona: sequestrato appartmento per sovraffollamento

giovedì 28 gennaio 2016
Tredici posti letto ricavati in ter vani, problemi di sicurezza e carenze igieniche. È intervenuta la Polizia municipale

La Polizia municipale di Verona ha posto sotto sequestro cautelare un appartamento di via Legnago a seguito di gravi carenze riscontrate all’interno, tali da compromettere salute e sicurezza degli occupanti. L’abitazione, circa 87 mq, era utilizzata come affittacamere abusivo: 13 i posti letto complessivamente ricavati nei tre vani, un soggiorno e due camere da letto, offerti a 50 euro al mese. Il controllo è avvenuto ieri mattina da parte di agenti della Polizia municipale e tecnici della prevenzione dell’Ulss 20, con l’obiettivo di verificare la situazione dell’appartamento, dove era stato segnalato un sospetto viavai di persone.

All’interno una situazione di totale degrado: sovraffollamento, muri coperti di muffa, persistente umidità, impianto elettrico manomesso e irregolare, tubo dell’aerazione riempito di giornali e perciò bloccato, presenza di blatte. Undici le persone presenti e identificate, tutte pakistane con regolare permesso di soggiorno. I locali sono stati posti sotto sequestro e affidati alla proprietaria. In corso di accertamento le responsabilità, visto che sia l’affittuario sia l’unico residente, 31 e 36 anni, entrambi di nazionalità pakistana, non sono ancora stati rintracciati. “Invitiamo cittadini ed amministratori di condominio a segnalarci anomalie e situazioni sospette – commenta Luigi Altamura, comandante della Polizia municipale di Verona – per permetterci di verificare ed eliminare rischi e pericoli, non solo per i diretti occupanti, ma anche per altri condomini e residenti. Tollerare o voltare lo sguardo da un’altra parte significa diventare complici di condizioni inumane, che possono anche finire in tragedie”.

 

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.