Edilizia pubblica Trento: riallineamento affitti

venerdì 31 gennaio 2014
Assessore Daldoss: non si tratta di aumenti ma di equiparazioni

In merito alle segnalazioni di alcuni inquilini Itea (l’Istituto trentino per l’edilizia abitativa) relative a un aumento dei canoni di affitto, la Provincia di Trento sottolinea che con gennaio è entrato a pieno regime il sistema di determinazione dei canoni introdotto dalla legge del 2005 in materia di edilizia pubblica.

Il sistema di calcolo viene di fatto esteso a tutti i nuclei che erano inquilini Itea prima della riforma, portando così a equiparazione di tutti i contratti di locazione in essere. “Non si tratta, quindi, di aumenti di canone di locazione – ha spiegato l’assessore provinciale Carlo Daldoss – ma di un riallineamento di tutti i contratti e quindi di tutti i canoni versati dai circa 10.000 inquilini Itea”.

Dalla Provincia sottolineano che il meccanismo era già previsto all’epoca del varo della riforma, la quale conteneva una clausola di salvaguardia per gli inquilini che avevano già ottenuto un alloggio prima del 2008. “Il nuovo calcolo, peraltro, ha comportato degli aumenti ma anche delle riduzioni di canone,” ha concluso Daldoss.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.