La domotica entra nel climatizzatore

lunedì 8 aprile 2013
Per il raffrescamento degli ambienti domestici Ariston integra nuovi sistemi di automazione nei propri prodotti

A deodorare l’ambiente domestico ora ci pensa il climatizzatore, che è anche in grado di attivarsi quando rileva la presenza di persone. Funziona in base alla temperatura rilevata in un punto specifico e dispone di 12 velocità del flusso d’aria, si carattaerizza per un’elevata silenziosità e per la capacità di rimuovere batteri e muffe, prevenendo le cause delle più comuni allergie. Queste le numerose funzioni dei nuovi modelli Kyris, mono split inverter di Ariston. Sintesi tra eleganza, funzionalità e rispetto per l’ambiente, le nuove funzioni tecnologiche dei climatizzatori Kyris garantiscono vantaggi in termini di comfort e risparmio energetico.

I nuovi climatizzatori prodotti dall’azienda si distinguono per l’alto grado di automazione e costituiscono una passo in avanti verso la domotica. L’assoluta novità Ariston per il 2013 è Intelligent Eye, un sensore di presenza in grado di rilevare i movimenti delle persone in una stanza: se non viene rilevata alcuna presenza nell’ambiente climatizzato, il sistema attiva la modalità di funzionamento di risparmio energetico. Il climatizzatore nasce inoltre con Aromatherapy, un filtro predisposto che con l’aggiunta di un olio essenziale della fragranza preferita deodora l’ambiente attraverso un diffusore che emana un gradevole aroma.

Con la nuova funzione Follow Me è oggi possibile un controllo puntuale della temperatura: il telecomando che fa da termostato con sensore integrato permette di far funzionare il climatizzatore in relazione alla temperatura effettiva rilevata nel punto dell’ambiente in cui il telecomando stesso è posizionato. Inoltre, il filtro Platinum rimuove batteri, muffe e previene la cause delle comuni allergie, catturando gli allergeni presenti nell’aria e rompendo la loro struttura. Infine, i nuovi climatizzatori sono dotati della funzione Memory che permette di impostare e memorizzare sia la temperatura che la velocità della ventola per garantire maggior comfort alla successiva accensione.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.