A Torino invocato il fondo Salva sfratti

martedì 5 febbraio 2013
In tempo di crisi il Comune chiede uno sforzo straordinario a Regione e fondazioni bancarie

La giunta comunale di Torino “costituisca un fondo Salva sfratti chiedendo alla Regione e alle fondazioni bancarie un impegno straordinario in tempo di crisi”. E’ quanto richiesto dal consiglio comunale del capoluogo piemontese attraverso una mozione approvata oggi. L’assemblea cittadina ricorda come nel 2012 gli sfratti siano stati 1.947 di cui 1.893 per morosità, e invita l’esecutivo di Palazzo Civico ad agire verso la Regione affinchè “siano confermate le risorse che finanziano il Fondo Locare ed il fondo sociale per le morosità incolpevoli”.

Nello stesso tempo il consiglio comunale chiede che sindaco e giunta “si facciano promotori, attraverso l’Anci, presso il prossimo Governo di azioni volte ad ottenere trasferimenti tali da evitare l’applicazione del’Imu sui patrimoni di enti locali, Atc ed ex Iacp vincolati ad edilizia sociale e di destinare specifiche risorse ad investimenti di edilizia residenziale pubblica“.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.