Elettrodomestici: investire per risparmiare

giovedì 21 febbraio 2013
Quelli con classi energetiche elevate comportano una spesa d'acquisto maggiore, ma la differenza in bolletta è notevole

Risparmiare sulla bolletta elettrica si può. E’ possibile ridurre l’esborso fino all’80% sostituendo TV, frigorifero e lavatrici vecchi con quelli moderni a consumo ridotto. Chi compra un elettrodomestico deve prestare molta attenzione alla classe energetica, evidenziata con bande di colore dal verde al rosso su tutti gli apparecchi in vendita. Inoltre, con un contratto elettrico sul mercato libero il risparmio aumenta di un ulteriore 8%; attenzione, quindi, a scegliere l’operatore elettrico più adatto alle proprie esigenze. Questo, in sintesi, il risultato di una ricerca ripresa da Il Messaggero e condotta da SosTariffe, sito che permette di confrontare le offerte di luce, gas e telefono

La classificazione europea dei consumi energetici va da A+++ (la migliore) a G (la peggiore). Sostituire un vecchio frigorifero di classe G con uno di classe A+ comporta di sicuro una spesa. Si potrebbe essere tentati di risparmiare sulla classe energetica: più è alta, più l’elettrodomestico costa. Tuttavia il maggior costo d’acquisto viene recuperato in termini di spesa elettrica, e lo stesso vale per la gli altri elettrodomestici.

Si tratta di cifre significative: il risparmio può andare da 177 fino a quasi 400 euro l’anno. Il principio fondamentale è dunque quello di investire per ridurre le bollette. “Risparmaire diverse centinaia di euro l’anno sulla bolletta dell’elettricità è possibile – spiega al Messaggero Alberto Mazzetti, amministratore delegato di SosTariffe – con una serie di accorgimenti. Tra i più rilevanti, la scelta di elettrodomestici con classi energetiche elevate, una corretta abitudine di utilizzo e la scelta di una tariffa elettrica adatta alle proprie esigenze“.

articolo visto su Il Messaggero

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.