Dismissioni immobiliari, ai privati le caserme di Roma

giovedì 29 marzo 2012
In linea di principio non si può essere contrari a che immobili pubblici, da tempo inutilizzati e perciò soggetti ad abbandono e degrado, siano ceduti dalla pubblica amministrazione ai privati. Purché non sia consentito a questi ultimi di operare con l'unico intento di conseguire il massimo profitto, senza alcuna attenzione al patrimonio storico e architettonico da tutelare insieme al paesaggio
Dismissioni immobiliari, ai privati le caserme di Roma-http://www.sxc.hu/profile/mzacha

L’Università La Sapienza, Dipartimento Diap (Architettura e Progetto) e il laboratorio Lpa (Lettura e Progetto dell’Architettura) organizzano il 30 marzo 2012 un incontro pubblico su AREE DISMESSE E FUTURO DELLA CITTA’. LA VENDITA AI PRIVATI DELLE CASERME ROMANE.

L’appuntamento è per Venerdì 30 marzo, ore 16, presso la Facoltà di Architettura, Sede di Piazza Borghese 9.

«l problema dell’alienazione delle 15 caserme – si legge nella brochure di presentazione dell’evento – previsto dalla delibera comunale del 28/29 ottobre 2010, ora in fase di attuazione con la prossima vendita delle prime quattro proprietà, ha dimensioni enormi e la loro trasformazione avrà notevoli conseguenze sul futuro della Capitale».

I numeri
Superficie complessiv: ha 82,00
Volumetria complessiva: mc 1.500.000
SUL (Superficie Utile Lorda): mq 500.000

La rilevanza degli immobili
Nell’elenco dei beni compresi nel piano di alienazione figurano, in realtà, importanti forti costruiti nella cintura immediatamente all’esterno della città storica (Pietralata, Tiburtino, Boccea, Trionfale), oggi divenuti aree centrali dell’espansione periferica, con decine di ettari inutilizzati che potrebbero divenire una risorsa unica, considerata la ormai
quasi completa dilapidazione di territorio nelle zone limitrofe, utilizzabile per servizi pubblici e verde attrezzato.
Altre proprietà in via di cessione ai privati riguardano grandi complessi completamente immersi nella città storica, alcuni dei quali di valore monumentale come gli ex conventi in via Sant’Andrea delle Fratte e in via San Francesco di Sales, che la vendita a privati pone a rischio di pesanti alterazioni, sia immediate, che negli anni successivi alla loro “valorizzazione”.

Proposte a salvaguardia dell’ambiente e del territorio

Si tratta di una parte notevole del patrimonio di aree dismesse presenti a Roma, che potrebbe costituire l’occasione di ristrutturazione per interi quartieri.

Per tutte queste proprietà sono previste destinazioni d’uso in deroga ai vigenti strumenti urbanistici, con ampie quote di aumento di cubatura nel caso di ristrutturazione (cioè di tutti gli interventi programmabili) e nel caso (sciagurato per la maggior parte dei beni indicati) di demolizione e ricostruzione.

L’iniziativa ha lo scopo di mettere a confronto le diverse idee, non solo elaborate in ambito accademico, ma soprattutto da parte delle associazioni di cittadini, sul tema fondamentale dei modi nei quali debbono avvenire le alienazioni.

Pur riconoscendo, infatti, che il contributo dell’iniziativa privata possa essere un fattore del rinnovo degli immobili
pubblici in abbandono, è opinione diffusa che nell’operazione dovrebbe soprattutto essere tutelato l’interesse pubblico e la vivibilità dell’ambiente chiedendo all’Amministrazione comunale alcune condizioni.

Tra queste, che possono essere eventuale argomento di discussione:
– Che la “valorizzazione” prevista per queste proprietà non consista nel massimo profitto ricavabile dai privati, ma in una maggiore qualità degli edifici, delle aree di pertinenza e dell’effetto che le loro trasformazioni avranno sui quartieri adiacenti.
– Che non sia consentito alcun aumento di cubatura, in considerazione della già considerevole densità edilizia dei
quartieri nei quali i beni sono collocati.
– Che siano resi pubblici tutti i progetti che riguardano le aree oggetto di alienazione, compresi quelli di “valorizzazione” che l’Amministrazione avesse già predisposto e di quelli che verranno predisposti in futuro.
– Che, comunque, le alienazioni avvengano solo dopo la definizione di un progetto architettonico chiaro in ogni prescrizione, la cui qualità deve essere degna di una città come Roma. In questo progetto, vincolante per gli acquirenti, debbono essere indicati in modo univoco volumi e destinazioni d’uso e non deve essere consentita alcuna percentuale di cubatura “flessibile”.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.