Mutui, crollo della domanda

giovedì 22 marzo 2012
In netto calo a febbraio 2012 la richiesta di mutui da parte delle famiglie al punto che la rilevazione di Crif non può che sottolineare che si tratta di un vero e proprio crollo. Un aspetto particolarmente preoccupante ed emblematico del momento di grave difficoltà è l'ammontare della cifra richiesta per il mutuo ipotecario, in assoluto la più bassa degli ultimi anni
Mutui, crollo della domanda

Secondo la rilevazione effettuata da Crif il barometro della domanda di mutui da parte delle famiglie italiane porta un segno nettamente negativo.

In particolare a febbraio 2012 si è avuto un vero crollo (-48% rispetto allo stesso mese del 2011, ma il segno negativo perdura ormai da 14 mesi e arriva a toccare il suo picco peggiore).

Il dato è particolarmente significativo se si analizza l’andamento della domanda del primo bimestre degli ultimi anni rispetto al precedente. Si evidenzia così come solo il 2012 abbia fatto segnare un importante calo a doppia cifra, mentre gli altri anni evidenziano andamenti poco distanti dallo zero, rispettivamente -1% per il 2011, +4% per il 2010 e -2% per il 2009.

Sottolinea la nota diffusa da Crif: «Il dato di febbraio non rappresenta in sé una sorpresa viste le performance registrate già negli ultimi mesi ma è l’osservazione del percorso di costante e pesante contrazione rilevato a partire dall’inizio del 2011, e accentuatosi ulteriormente nell’ultimo quadrimestre, ad assumere contorni preoccupanti».

Fasce di durata

Lieve aumento per le classi dai 15 ai 20 anni, sostanzialmente stabili le altre fasce rispetto ai mesi precedenti.

Importi richiesti

In crescita la «cautela con la quale in questa delicata fase si stanno muovendo le famiglie italiane: a febbraio 2012, infatti, l’importo medio evidenzia il calo già rilevato nel corso dell’anno scorso, assestandosi a 130.700 euro, il valore più contenuto mai registrato negli ultimi 5 anni».

Età dei richiedenti

Il 64% delle richieste presentate nei primi due mesi dell’anno proviene da clienti tra i 25 e i 44 anni.

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.