Architettura, un Premio a Roma per giovani Architetti

martedì 7 giugno 2011
Per incoraggiare i giovani Architetti, per sostenerne la creatività, e per dare a un rione di Roma come l'Esquilino un progetto improntato alla contemporaneità, è stato lanciato il "Premio di Architettura F.L. Catel 2011", aperto agli under 35
Architettura, un Premio a Roma per giovani Architetti

Dalla collaborazione fra Fondazione Franz Ludwig Catel e Ordine Architetti di Roma nasce il “Premio di Architettura F.L. Catel 2011“.

L’obiettivo è da una parte la promozione di giovani architetti e dall’altra il sostegno alla ricerca per la costruzione di un modello di Rione della contemporaneità (nel caso specifico l’Esquilino).

Spazi innovativi. «Tema del Premio – si legge nella brochure di presentazione – è una proposta ideativa, finalizzata alla riqualificazione e valorizzazione dell’intera area di intervento creando spazi innovativi e percorsi privi di motorizzazione».

Percorsi. «Nello specifico la creazione di percorsi pedonali e ciclabili in sicurezza che uniscano punti ricreativi di socialità urbana, come aree verdi e piazze, e allo stesso tempo colleghino i servizi pubblici principali del Rione, favorendone l’uso da parte di bambini ed anziani, ponendo l’attenzione verso le zone monumentali e lo studio dell’immagine complessiva degli spazi pubblici, inserendo elementi di riconoscimento, di identità e di arredo urbano».

Al Premio possono partecipare gli architetti al di sotto dei 35 anni d’età.

Per iscriversi c’è tempo fino al 04 luglio 2011.

I progetti vincitori (la proclamazione avverrà a novembre 2011), assieme a quelli più significativi dell’edizione 2011, saranno oggetto di una mostra alla Casa dell’Architettura di Roma.

Il “Premio di Architettura F.L. Catel 2011” sarà presentato venerdì 10 giugno 2011, alle ore 17:00, presso la Casa dell’Architettura – piazza Manfredo Fanti, 47, Roma.

Vai al Bando

Scheda d’iscrizione

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.