Giurisprudenza, il prezzo della casa è cambiato e l’incarico scaduto…

venerdì 25 novembre 2011
In linea di principio all'Agenzia immobiliare che ha svolto opera di mediazione mettendo in contatto acquirente e venditore va riconosciuto il diritto alla provvigione. Salvo il caso in cui, ma tutto dipende dalla discrezionalità del giudice, si dimostri con evidenza che l'operato dell'Agenzia è stato ininfluente ai fini della conclusione della compravendita
Giurisprudenza, il prezzo della casa è cambiato e l'incarico scaduto...-http://www.sxc.hu/profile/cccdebbie

Chiede una lettrice, E.L.:

Gent. Avv., poco più di un anno fa ho visitato un appartamento in vendita con un’agenzia immobiliare, firmando il foglio di visita.

Non se ne è fatto nulla, perché la richiesta mi è sembrata alta.

Adesso la proprietaria, scaduto l’incarico, ha messo un cartello privato.

Io l’ho contattata ed avremmo raggiunto un accordo per un prezzo molto più basso di quello propostomi l’anno scorso.

Mi chiedo se sussistono vincoli nei confronti dell’agenzia, in particolare se l’agenzia può chiedermi la provvigione, nonostante la suddetta situazione (non è ancora trascorso un anno dalla disdetta dell’incarico da parte del venditore) e, se trascorre un anno, siamo completamente liberi?!

Grazie

Risponde l’Avvocato Massimo Chimienti

Gentilissima Signora, il fatto di acquistare a condizioni diverse non fa venir meno il diritto alla provvigione da parte dell’agenzia che l’ha messa in contatto con la venditrice.

Salvo che non si riesca a dimostrare che l’accordo sia stato raggiunto a seguito di nuove trattative, non ricollegabili alle precedenti.

Facendo così di fatto venir meno il nesso di causalità tra l’attività del mediatore e la conclusione dell’affare.

Ovviamente, il tutto sarebbe rimesso alla discrezionalità di un giudice.

Cordialmente.

Avv. Massimo Chimienti

Per richiedere un parere legale su argomenti inerenti il settore immobiliare scrivere a: redazione@quotidianocasa.it

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.