Condominio, la pizzeria ha installato una canna fumaria

lunedì 31 gennaio 2011
La canna fumaria della pizzeria è stata installata dopo che gli appartamenti adiacenti sono stati tutti venduti. E' ipotizzabile una soluzione che metta tutti d'accordo?
Condominio, la pizzeria ha installato una canna fumaria

Chiede una lettrice, M.:

Ho appena letto un Vs interessantissimo articolo sulla possibilità di costruire delle canne fumarie all’interno di condomini.
In questo caso io rappresento la parte lesa, nel senso che un bel giorno mi sono vista costruire di fianco al mio balcone una canna fumaria enorme ad uso della pizzeria del piano terra.
E’ chiaro che questa canna limita l’utilizzo del mio balcone sia per la vicinanza che per i fumi che ne fuoriescono.
La canna dista dal mio balcone circa 90 cm e mi pregiudica non solo la vivibilità della mia terrazza, ma il valore intero del mio immobile.
Aggiungo che si tratta di un condominio completato nel 2007, e la canna fumaria è stata costruita solo dopo aver venduto tutte le abitazioni private. E’ chiaro che se quella canna fumaria fosse stata lì dal principio io non avrei mai comprato la mia attuale abitazione.
La canna fumaria è stata costruita senza l’assenso condominiale e aggiungo anche che l’attività che si esercita sta creando non pochi problemi alle abitazione adiacenti.
(L’attività è al piano terra con ai lati delle abitazioni al pianto terra).
So che ci sono sentenze contro la costruzione di canne fumarie che turbano il possesso di terrazze private.

Allego una foto per completezza d’informazione.

Grazie mille dell’attenzione, spero che possiate darmi qualche indicazione su come procedere.

Cordiali saluti

Risponde il rag.Umberto Testa, Amministratore di condominio

La prima cosa che avrei voluto sapere è se vi è un cortile interno, in quanto in tal caso può chiedere che venga posta lì.

Altra cosa, la canna fumaria deve essere coibentata e non deve far fuoriuscire odori.

Se vi è la possibilità di posizionarla in modo da arrecare il minor disturbo possibile agli abitanti delle altre unità immobiliari ciò si deve attuare sia per la vivibilità dei balconi che di tutto il resto.

Ma questo doveva decidersi senza intervento alcuno. Oltremodo anche se la Giurisprudenza ha confermato che si possono installare canne fumarie senza autorizzazioni degli altri partecipanti al Condominio è educazione e rispetto domandare, per cercare una soluzione adeguata tutti insieme per il quieto vivere.

Per richiedere che venga adottato giustamente tutto quanto sopra riportato, le consiglio di prendere insieme agli altri un tecnico abilitato e fargli redigere una relazione tecnica asseverata in modo da poter dialogare con i titolari dell’attività e se non vogliono ascoltare dovrà rivolgersi alle autorità competenti.

Distinti saluti

Umberto Testa

Umberto Testa cura tre siti www.amministratoredicondominio.info www.amministratoredicondominio.eu www.amministratoreimmobiliare.eu ed è membro del Consiglio Nazionale dell’UNAI (Unione Nazionale Amministratori d’Immobili).

Per porre domande al nostro esperto di Amministrazione di Condominio scrivere a: redazione@quotidianocasa.it

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.