Fabbricato residenziale, quanto costa costruire secondo l’Istat

martedì 7 dicembre 2010
Fatta eccezione per qualcuno degli elementi che formano il costo di una costruzione (è il caso dei metalli il cui prezzo ha registrato balzi notevoli) i prezzi nel terzo trimestre 2010 sono in linea con quelli del secondo
Fabbricato residenziale, quanto costa costruire secondo l'Istat

L’Istituto centrale di statistica comunica qual è stato l’indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale nel periodo Luglio – Settembre 2010 (terzo trimestre).

Prendendo come base 2005=100 l’indice ha fatto registrare una variazione di più +0,1% rispetto al trimestre precedente.

Rispetto allo stesso periodo (terzo trimestre del 2009) la variazione è stata di +2,1%.

Andando più nello specifico si osserva che la mano d’opera è cresciuta dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 2,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Cala il costo dei materiali (-0,3%) rispetto al secondo trimestre 2010, ma non per tutti e non allo stesso modo.

Segnaliamo il caso dei metalli il cui prezzo si abbassa nel terzo trimestre 2010 del -2% (ma erano cresciuti dell’11,2% nel secondo trimestre 2010 rispetto al primo; costano comunque il 15% in più rispetto allo stesso periodo 2009).

Per gli impianti di sollevamento nel terzo trimestre 2010 si è speso lo 0,8% in più rispetto al trimestre precedente, ma va tenuto conto che i prezzi erano calati del -5,8% nel secondo trimestre 2010 rispetto al primo. Rispetto allo stesso periodo 2009 c’è stato un calo del -4,7%.

I noli sono cresciuti del +3,7% rispetto al terzo trimestre 2009, e i trasporti dell’1,2%.

Anche il legname è cresciuto (+2,9%) rispetto al 2009, stesso periodo, ma nel terzo trimestre 2010 ha fatto registrare soltanto un aumento dello 0,3% rispetto al secondo.

Infine l’indice generale registra una crescita del 2,1% rispetto allo stesso periodo 2009 (terzo trimestre).

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.