Housing sociale, le buone intenzioni del Friuli Venezia Giulia

martedì 19 ottobre 2010
Un fondo per l'housing sociale è nelle intenzioni della Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia. Una casa soprattutto ai giovani che non riescono ad accedere al mutuo. Progetti concreti o parole al vento?
Housing sociale, le buone intenzioni del Friuli Venezia Giulia - http://www.sxc.hu/profile/asifthebes

Per far fronte alla richiesta di housing sociale, nell’intento cioè di garantire un’abitazione a chi non può permettersi un mutuo purchessia, la Regione Friuli Venezia Giulia lancia un mini “Piano Casa” da 25 milioni di euro.

Serviranno alla costruzione di 500 alloggi (50.000 € cadauno, basteranno?) a disposizione di almeno mille cittadini.

Per lo più giovani, come auspica l’assessore regionale all’edilizia, Elio De Anna, che ha recentemente presentato il progetto in una conferenza a Udine.

«Mi rivolgo a loro – ha affermato l’assessore – dicendo che la Regione è al loro fianco e cercherà sia con questo progetto che con molte altre iniziative, di dare vita a dei percorsi che permettano alle nuove generazioni di entrare in possesso di una casa. Un bene, questo, che fa parte della nostra cultura ma che è un valore insieme alla famiglia e al risparmio».

Quando partirà l’iniziativa? Forse già nel 2011, al verificarsi però di determinate condizioni.

Quali sono? Intanto che il 40% di quei 25 milioni siano a carico di un “fondo nazionale degli immobili” (ne avete sentito mai parlare prima d’oggi?).

La seconda condizione è che si costituisca un lavoro di squadra che coinvolga:

1. il summenzionato fondo (che “sarebbe” dotato di due miliardi euro)
2. le tre Fondazioni bancarie del Friuli Venezia Giulia
3. il privato e il pubblico

«La novità di questo housing sociale – ha spiegato l’assessore De Anna – è il fatto che il progetto sarà un volano per rilanciare l’economia e in particolare il settore dell’edilizia. Ma ciò avverrà non completamente a carico dell’ente pubblico, ma con una compartecipazione che veda coinvolti più attori protagonisti, sul modello di quanto sta già avvenendo a Parma. Il fondo regionale, al momento, non è stato ancora costituito ma abbiamo sondato il terreno constatando che c’è molto interesse».

Di sicuro quindi al momento ci sono soltanto le buone intenzioni (il fondo regionale non è stato neppure costituito…) della Giunta regionale.

Certo, non è poco. Quanto al resto, che per esempio “l’edilizia sarà un volano per rilanciare l’economia”, non vi sembra di averle già sentite altre volte queste belle parole?

Al momento non ci sono commenti dei lettori per questo articolo.

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.