La mia casa? Senza gas né termosifoni, ma al massimo del comfort!

giovedì 12 febbraio 2009
A Sant'Eufemia di Borgoricco (PD) un geometra ha costruito la propria abitazione secondo i dettami della 'casa passiva'. Una spesa molto contenuta per una casa che consuma quasi nulla e assicura un invidiabile comfort

[Vai al VIDEO]

Il geometra Gian Piero Marchiori é un professionista con i piedi ben piantati per terra, abituato a misurarsi con i problemi concreti che un progetto per una casa deve affrontare soprattutto dal punto di vista energetico, oggi fondamentale quant’altri mai.

Questa precisazione preliminare é indispensabile per capire il personaggio e l’abitazione che ha realizzato per sè e la propria famiglia.

Per dire, niente posizioni radicali, di quelli che tutto deve essere ‘bio’, per intenderci, che poi bisogna andare a vedere fino a che punto sia ‘bio’, a cominciare dal cemento ‘che l’unica cosa che si può sperare é che non sia radioattivo’.

Meglio allora concentrarsi sugli accorgimenti reali che si possono adottare per ridurre i consumi, sia in fase di costruzione, sia in fase di gestione della casa.

La struttura ↑ La struttura

Da questo punto di vista il geometra Marchiori é convinto d’aver centrato l’obiettivo. Del resto, giudicate voi stessi: niente termosifoni, niente caldaia a gas, niente condizionatori per il raffrescamento estivo.

Unica ‘concessione’ per questa casa che ha tutte le caratteristiche di quella ‘passiva‘, una piccola stufa che va a pellet e legno cippato, collegata a un boiler per l’acqua calda e a un sistema di ventilazione forzata che porta aria calda vei vari locali.

A questo va aggiunto per i mesi di sole un impianto di solare termico. Stop.

Naturalmente tutto ciò é reso possibile dalla particolare conformazione della struttura progettuale che non prevede impiego di elementi tradizionali come i mattoni, malta e quant’altro.

Cappotto esterno ↑ Cappotto esterno

Con il risultato di un impiego ridottissimo di mano d’opera (15 giorni lavorativi per un’abitazione di 200 mq su due piani, di una formidabile coibentazione, grazie anche a un corretto orientamento dal punto di vista bioclimatico.

Nel filmato di questa pagina il geometra Marchiori spiega dettagliatamente come la costruzione di una vera ‘casa passiva’ sia non soltanto possibile e a costi contenuti, ma anche vivibilissima in termini di comfort e salubrità .

Scheda tecnica redatta dal progettista (Geometra Gian Piero Marchiori)

In Provincia di Padova nel Comune di Borgoricco il Geom.Gian Piero Marchiori  ha realizzato una CASA PASSIVA o una che più si avvicina agli standard qualitativi della Passivhaus tedesca – passivhaus secondo il termine originale di lingua tedesca, é un’abitazione che assicura il benessere termico senza alcun impianto di riscaldamento “convenzionale”.

Vetrate ↑ Vetrate

Ha raggiunto i seguenti traguardi:

- ha abbattuto i costi complessivi di edificazione pareggiandola con una ‘in muratura’ (costi elevati dei materiali compensati con la poca manodopera impiegata circa 15 giorni lavorativi),
- ha passato l’estate senza condizionatore, é ben ventilata e nessuna finestra esposta al sole,
- la casa é molto luminosa perchè con molte vetrate tutte rigorosamente dotate di vetri termici,
- il riscaldamento é assicurato da una piccola stufa a pellet / legno / cippato, a costo ’0′ in quanto brucerà  il legno che ha avanzato dalla costruzione della casa,
- per il riscaldamento dell’acqua ha installato un boiler (in dotazione con la stufa) che, in inverno viene scaldata dalla stufa ed in estate da un pannello solare,
- la lavastoviglie e la lavatrice sono allacciati alla condotta dell’acqua calda quindi consumano meno elettricità  per il riscaldamento dell’acqua,
- ha predisposto l’illuminazione del giardino alimentato da batterie che si ricaricano durante il giorno da pannelli fotovoltaici (ne bastano 2 per assicurare all’incirca100W),
- le acque piovane vengono raccolte su cisterne interrate per poi usarle per annaffiare il giardino.

Commenti

  1. 5 marzo 2012

    Fede72

    Non senza invidia, vorrei esprimere tutti i miei complimenti al geom Marchiori; mi auguro francamente che il Governo Monti possa mettere mano alle lobby dei costruttori di “pseudocase” che in questa Penisola continuano a spadroneggiare vendendo vere e proprie “scatole di cartone” a prezzi folli; tutto in barba a quegli utilissimi accorgimenti adottati dal Geom. Marchiori e che, a mio parere, questo Stato dovrebbe imporre; scusate lo sfogo ma le case costruite oggi fanno piangere; volete mettere l’isolamento termico ed acustico nonchè il ricorso alle energie alternative……..

    1

Commenta l'articolo

Per poter inviare un commento a questo articolo è necessario essere registrati al sito. Se non sei ancora un utente registrato, registrati adesso. Se sei un utente già registrato, esegui il login per inviare un commento.